Sound36 intervista Pane.

di romacomenewyork

“Da un punto di vista più materiale la situazione della musica a Roma necessiterebbe di alcuni tasselli: professionalità. serietà.
Ci sono
 non pochi locali, ma è sempre molto difficile trovare impianti di livello, che diano un senso al suono, alla voce. I tecnici che vi mettono mano, spesso non sanno cosa stanno facendo e spesso si gioca al ribasso. Anche questo è un discorso legato al denaro, alla possibilità di pagare dei professionisti, che ci sono. Heroes a mio avviso è un tentativo di andare incontro anche a queste lacune, nel rispetto del pubblico, con l’obiettivo di porre alcuni artisti in condizioni ottimali per l’esibizione. Cercando di indicare ad una comunità più vasta e attenta possibile delle opzioni diverse da quelle propinate dal sistema pro-profit. E’ un atteggiamento buono che comunque si muove nel campo minato di un gioco di per sé mefistofelico.”

Leggi l’intervista

About these ads